Eventi & News

Visita "teatralizzata" con lord Byron. Date: 6,13,20 febbraio
31 Gennaio 2010

  • Impareggiabil cataratta orribilmente bella : così s’innamorò lord Byron (foto a lato). Il poeta e politico inglese rimase fulminato quando durante il Grand Tour visitò la cascata delle Marmore, tanto da lasciare ai posteri quei versi immortali. Era il XVIII secolo. San Valentino, patrono di Terni, sarebbe diventato il protettore degli innamorati, riconosciuto tale in molti Paesi. E poiché quella tra il lord e la cascata null’altro è stata che una storia d’amore, nell’ambito degli Eventi Valentiniani - la serie di iniziative che ravviva la Conca ternana nel periodo compreso tra febbraio e marzo - si è voluto inserire in programma la visita teatralizzata sulle orme di George Byron, allestita dal Belvedere inferiore della cascata fin su le terrazze del sentiero Pennarossa. “Per dar voce all’anima romantica del parco”, recitano i volantini promozionali. Una guida in costume impersonerà lord Byron svelando i segreti delle Marmore secondo i criteri dell’edutainment, tecnica finalizzata all’educazione attraverso l’intrattenimento divertente. L’occasione è ghiotta, anche perché oltre ad essere idonea a un pubblico vasto - dai bambini agli anziani -, la visita è completamente gratuita (si paga solo il biglietto d’ingresso nell’area turistica). Ecco le date in cui si potrà visitare l’area in compagnia di George Byron: 6, 13, 20 febbraio. Consigliato presentarsi in biglietteria trenta minuti prima della partenza, prevista alle ore 15.00 dal Belvedere inferiore. Consigliata anche la prenotazione anticipata. In basso tutti i riferimenti. Impareggiabil cataratta orribilmente bella visita teatralizzata in compagnia di George Byron 6,13,20 febbraio 2010 inizio: ore 15.00 partenza: Belvedere inferiore età consigliata: per tutti Informazioni: infopoint Cascata delle Marmore tel. 0744_62982 e-mail cascatamarmore@libero.it Informazioni e prenotazioni: infoline Sistema Museo 199.151.123* dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00 (escluso i festivi) *costo della chiamata variabile a seconda dell’operatore e-mail infoline@sistemamuseo.it
    Leggi Tutto

La cascata fra i simboli del summit ambientale di Copenaghen
05 Gennaio 2010

  • Forse non tutte le 192 delegazioni, i 45 capi di Stato, le 15mila persone accreditate o i 5mila giornalisti presenti al summit ambientale di Copenaghen l’hanno vista, ma probabilmente una buona percentuale sì. Perché la cascata delle Marmore stava al centro della cartolina che Legambiente Italia ha fatto girare fra i partecipanti alla convention tenutasi nella capitale danese dal 7 al 18 dicembre 2009. E ci stava con tanto di megastriscione “Fermiamo la febbre del pianeta”, posizionato di fronte alla cascata e quindi fotografato. I primi di dicembre, infatti, un’incursione di Legambiente Terni concordata con le istituzioni e con il gestore dei servizi turistici dell’area (l’associazione d’imprese 165 Marmore Falls), ha permesso di realizzare il servizio fotografico usato sia per la cartolina spedita a Copenaghen che per una serie di iniziative su territorio italiano. Un lavoro complicato, se è vero che per l’esatto posizionamento dello striscione si è reso necessario l’aiuto delle guide escursionistiche. Alla fine ne è valsa la pena sia in termini di promozione turistica (non capita tutti i giorni di presenziare - sebbene su cartolina - a un summit di rilievo mondiale) sia in termini etici, perché la lotta tesa alla salvaguardia ambientale rappresenta una giusta causa. E dopo l’incursione alle Marmore, Legambiente non si è fermata. Insieme ad altre associazioni ha appeso lo striscione “Fermiamo la febbre del pianeta” in numerosi luoghi-simbolo di città umbre; poi il 12 dicembre ha invaso le piazze con stand e banchetti in occasione dell’iniziativa “100 piazze per il clima”; infine il 18 dicembre ha organizzato il “Brindisi augurale per il clima”, sempre nel centro storico delle principali città. In quanto concordate con Legambiente nazionale, le manifestazioni si sono svolte anche in altre regioni italiane.
    Leggi Tutto

Eventi a Carsulae: insieme da Natale a primavera
24 Dicembre 2009

  • Si chiama “CarsulaEventi” la rassegna di appuntamenti gratuiti che scalderà tutto l’inverno e saluterà la primavera 2010 in uno dei luoghi più amati del territorio ternano: il parco archeologico dell'antica città romana di Carsulae, a pochi chlilometri dalla cascata delle Marmore. Le date natalizie terranno a battesimo il calendario di eventi divisi in tre sezioni: la data di apertura, il prossimo 27 dicembre, inaugurerà la sezione Special guest, protagonisti d’arte, musica e letteratura, con il concerto “Christmas Songs” del Coro Polifonico di Calvi dell’Umbria. Ogni appuntamento prevede un incontro a tema con uno o più ospiti speciali attraverso concerti, racconti, performance e confronti. Domenica 3 gennaio, invece, partono gli eventi Ritrovamenti - voci di approfondimento storico e culturale, e 0-99 - spazio ricreativo. Aspettiamo tutte le famiglie con “Gli affetti che contano - Il bambino non è un elettrodomestico”, presentazione del libro di Giuliana Mieli, e con l’attività per bambini “La calza incalza, lavori ai ferri corti aspettando la Befana”. Ritrovamenti propone percorsi, visite guidate e conferenze alla scoperta di Terni, del suo territorio e dei suoi abitanti. La sezione 0-99, invece, trasforma piccoli e grandi in veri artisti con laboratori di manualità e creatività, tutti accompagnati da piacevoli merende tematiche da condividere insieme. Preziose anche tutte le altre collaborazioni previste in rassegna, come quella dell’Accademia di Belle Arti di Terni International Art School, che contribuirà a restituire a Carsulae il suo profilo migliore. PROGRAMMA COMPLETO: "RITROVAMENTI" domenica 3 gennaio ore 16 ”Gli affetti che contano”, presentazione del libro: “Il bambino non è un elettrodomestico” di Giuliana Mieli, a cura dell’Associazione Nascere in Casa Umbria onlus sabato 13 e 20 febbraio ore 11 eventi valentiniani ”I Luoghi InTerni del Cuore”, percorso guidato nei luoghi più suggestivi e romantici della città di Terni: la Cascata delle Marmore, la Basilica di San Valentino, il Sito Archeologico di Carsulae In collaborazione con 165m Marmore Falls. Prenotazione obbligatoria domenica 28 febbraio ore 16 ”‘70VogliadiCarsulae”, cronache da una Terni che cambiava. Intervengono: Simone Guerra - Ass. alla Cultura del Comune di Terni, Giuseppe Magroni giornalista del Corriere dell'Umbria, Francesco Pullia scrittore, Marcello Ricci docente di storia e filosofia, Attilio Romanelli, Giancarlo Marinelli docente e scrittore. Moderatore il sociologo Massimo D'Antonio. Seguirà aperitivo domenica 21 marzo ore 15 ”È la Primavera” visita tematica domenica 11 aprile ore 10 ”Tracce” escursione lungo la via Flaminia, a cura di Marco Barbarossa. Prenotazione obbligatoria. "0-99" domenica 3 gennaio ore 16 ”La calza incalza, lavori ai ferri corti aspettando la Befana”, attività per bambini con merenda natalizia domenica 21 febbraio ore 16 eventi valentiniani ”We Y Carsulae!”, attività per bambini con dolce merenda domenica 21 marzo ore 15 ”È la Primavera, piccoli artisti in erba”, attività per bambini con merenda tematica sabato 3 aprile ore 11 ”L'Ovo Pinto gioca in trasferta, Carsulae e il Museo dell'Ovo Pinto di Civitella del Lago”, laboratorio creativo per tutti con colazione di Pasqua "SPECIAL GUEST" domenica 27 dicembre ore 16 ”Christmas songs”, a cura del Coro Polifonico di Calvi dell’Umbria. Dirige Marta Lombardo. Seguirà aperitivo domenica 10 gennaio ore 16 ”I Narrautori, canzoni raccontate”, racconti musicati da Francesco Franceschini e Alessandro Cavalieri, percussioni Niccolò Bicchi, chitarra Emanuele De Santis domenica 21 febbraio ore 16 eventi valentiniani ”Un bacio lungo 2000 anni, domande e risposte impertinenti sull’amore”, dialogo ideale tra i protagonisti classici e contemporanei della letteratura del cuore. Voci narranti Elena Marrone e Alessandro Carlaccini domenica 14 marzo ore 16 ”Foto in Monumento, presentazione dei lavori di Stage”, in collaborazione con International Art School Accademia di Belle Arti di Terni giovedì 18 marzo ore 11 ”Carsulae workshop, scelta di professioni nel settore dei beni culturali”, Contaktartdieci_International Art School Accademia di Belle Arti di Terni domenica 18 aprile ore 16 ”C’era una volta”, Carsulae ricostruita attraverso la creatività dell’International Art School Accademia di Belle Arti di Terni Per informazioni: tel/fax 0744 334133 info@carsulae.it www.carsulae.it Per informazioni e prenotazioni: Infoline Sistema Museo 199.151.123 *costo della chiamata variabile a seconda dell’operatore infoline@sistemamuseo.it www.sistemamuseo.it
    Leggi Tutto

Le Feste natalizie nel borgo medioevale di Arrone
20 Dicembre 2009

  • Loro ci credono, ecco perché siedono insieme sugli scranni dell’aula consiliare. C’è il sindaco Fioretti, c’è l’assessore alla Cultura, Orsini, ma soprattutto ci sono i rappresentanti delle associazioni. Tanti, e d’altronde Arrone (3 chilometri dalla cascata delle Marmore) è un paese che rispetto alla popolazione (circa 3mila abitanti) registra un altissimo numero di organizzazioni dedite alla promozione del territorio. L’occasione è la presentazione del programma di eventi legati alle feste natalizie. Si comincia dalle manifestazioni curate dal “Gruppo campanari”. Ad agosto, al “Primo raduno nazionale dei campanari”, era stata Rai Uno a mandare l’inviata Carlotta Mannu per lanciare il servizio direttamente sul Tg della sera. E oggi, dopo il successo di fine estate, si intravede la possibilità di compiere un salto di qualità capace di trasformare il borgo in una sorta di capitale dell’arte campanaria. Allora il 10 dicembre alle ore 21 le antiche campane della chiesa di san Giovanni suoneranno in contemporanea con quelle di altri campanili sparsi nello Stivale, per celebrare la Carta dei diritti umani firmata a Parigi il 10 dicembre 1948 dai Paesi ONU. Tra nord e sud hanno aderito decine di associazioni: dall’Emilia alle Marche, dal Triveneto all’Abruzzo; persino da Nola, dove sarebbe sbocciata la tradizione dello “scampanare” per marcare i ritmi della vita religiosa. Diretta su Radio Rai Uno alle 20.30 nell’ambito del programma Zapping. Poi, il 13 dicembre, toccherà ai “Musicians for Human Rights” (ensemble apprezzato nel mondo) esibirsi in concerto sul tema dei diritti umani presso la chiesa di S. Maria Assunta. Altri eventi il 2 e 3 gennaio con l’esposizione di artisti locali, il concerto dei “Sonidumbria” e la performance del “Piccolo coro dei campanari”. Sì, perché alcune settimane fa i campanari di Arrone hanno addirittura creato una scuola per bambini, e già in 27 si stanno misurando con l’antica arte. Il patrocinio è del Comune, che oltre agli eventi sui diritti umani propone un calendario tradizionale. “Arrone… sotto la cometa” è il programma lanciato dall’amministrazione, al centro del quale ruota il presepe vivente riconosciuto come uno dei più belli dell’Umbria. Ventisei-ventisette dicembre, primo-sei gennaio le date delle rappresentazioni, allestite con figuranti locali nella parte vecchia del borgo (ore 17). Ma il 10 dicembre c’è anche la tavola rotonda sulla “Costituzione italiana nel mondo multiculturale”, il 20 dicembre il concerto-aperitivo del “Coro polifonico Naharti” a Casteldilago, il 26 il concerto di Natale nella chiesa di S. Maria Assunta e il 27, nella stessa chiesa, il saggio della scuola comunale di musica. Fino al 5 gennaio, giorno di chiusura firmato dal “Coro Naharti”. Dal 20 al 27 dicembre, infine, spazio agli artisti locali con la mostra allestita nella chiesa di S. Maria Assunta. Informazioni: Comune di Arrone, tel. 0744 387611 Clicca qui per visualizzare il programma degli eventi allestiti dal Gruppo campanari in collaborazione con il Comune di Arrone Clicca qui per visualizzare il programma degli eventi allestiti dall'amministrazione comunale di Arrone
    Leggi Tutto

Il presepe vivente di Arrone tra i più belli dell'Umbria
20 Dicembre 2009

  • Se anche i veneziani vengono a vederlo, quasi quasi vien voglia di non aggiungere altro. Perché così è andata l’anno scorso: in tour lungo la Valnerina, quando ha saputo del presepe vivente di Arrone (borgo medioevale a 3 km dalla cascata) un gruppo della Laguna ha voluto dare una sbirciatina. D’altronde il sindaco Fioretti, riferendosi al comprensorio, ha già definito il presepe come “la manifestazione più incisiva nell’incrementare lo sviluppo turistico”, ed è difficile dargli torto. “Quest’anno abbiamo più figuranti con alcune scene totalmente rinnovate”, fa sapere in sede di conferenza stampa Stefano Cruciani. Lui è il presidente del comitato sorto proprio per allestire la manifestazione, il “Comitato presepe vivente di Arrone”. Insieme al “Comitato del castello” – altra associazione attiva sul territorio – formano l’anima della kermesse nata 16 anni fa da un’iniziativa della pro Loco. Il 26 e il 27 dicembre, il primo e il 6 gennaio, allora, non si potrà mancare. Sono le date delle rappresentazioni allestite sul cucuzzolo del paese (inizio ore 17), la parte vecchia denominata “castello” perché fortificata dalla dinastia nobiliare degli Arroni. Le scene contemplate vanno dalla natività, al mercatino, all’ultima cena, a tutte le altre nel rispetto della tradizione. E il pienone diventa certezza “con oltre mille persone sui vicoli“, chiosa Piero Laliscia, presidente del Comitato del castello. Che aggiunge: “La rappresentazione del mercatino sarà molto colorata e viva. Un ambiente più piccolo rispetto a quello dell’anno scorso, ma proprio per questo più caldo”. Il gruppo speleologico di Stroncone garantirà la discesa dell’angelo durante tutte e quattro le giornate, mentre la nuova strategia inclusiva viene sintetizzata così: “Anziché invitarli uno per uno abbiamo chiamato i ragazzi-figuranti in gruppi, in maniera da coinvolgere più persone”. Il resto è bellezza: la scena del grano, il moto del frantoio, la macinatura della farina, la lavorazione del pane. La scenografia della pastorale nelle rocce sottostanti la torre civica, il mercatino lungo la via principale. E ancora, la capanna che per volontà del comitato rispecchia i dettami dell’artista scomparso Luciano Tomassucci, molto amato ad Arrone. Commento musicale e parlato vengono diffusi per tutto il castello, mentre le macchine per il fumo, quelle produttrici di finta neve e gli effetti luminosi completano l’opera. Ingresso libero e gratuito (Foto Michele Tomassucci). Informazioni: Comune di Arrone Tel. centralino: 0744 387611 Info, foto e video su: www.presepeviventearrone.blogspot.com
    Leggi Tutto

Scuole in gara per nominare i sentieri della cascata
10 Dicembre 2009

  • “Davvero non ce lo aspettavamo”. Bastano le parole dell’assessore al Turismo del Comune di Terni, Roberto Fabrini, per descrivere la sorpresa degli organizzatori quando hanno contato le mail giunte nella casella di posta elettronica. Una cinquantina di classi hanno partecipato al concorso indetto per nominare i sentieri della cascata delle Marmore. “Come ti chiami… Come mi chiamo?” è il titolo del bando lanciato dal Comune, dalla Provincia e dall’associazione temporanea d’imprese 165 Marmore Falls, soggetto gestore dei servizi turistici nell’area. Il concorso, riservato alle classi quinta elementare, prima e seconda media degli istituti provinciali, prevede “l’assegnazione del nome ai 6 sentieri che si snodano all’interno dell’area della cascata delle Marmore, attualmente identificati con i numeri 1, 2, 3, 4, 5, 6, e l’elaborazione di un breve testo che descriva le motivazioni della scelta. Ogni classe partecipa proponendo al massimo un nome per ogni singolo percorso e può vincere solo per un sentiero”. Adesioni non solo dal Ternano, ma da tutta la provincia: oltre alle scuole di Terni, Arrone e Stroncone, infatti, anche gli istituti di Baschi, Guardea ed altri ancora. Il progetto è curato in sinergia con i centri di educazione ambientale (CEA) del territorio, ovvero il centro botanico della cascata (foto in alto), il centro di documentazione di Piediluco, il museo ornitologico e micologico di Collestatte. Tre strutture fruibili sia dai visitatori che da insegnanti e scolaresche. E proprio i CEA, in futuro, giocheranno un ruolo decisivo riguardo al turismo scolastico, risorsa che già rappresenta un punto di forza della cascata. I dati completi non sono ancora disponibili, ma le visite al centro botanico situato nel belvedere inferiore e i laboratori svolti al suo interno registrano un aumento del 400 per cento, passando da quota 1.214 nel 2008 a quota 4.552 nel 2009. Inoltre le operatrici del centro sono state scelte dalla Regione per insegnare l’educazione ambientale agli studenti umbri (una prima uscita è stata effettuata a Spoleto). Quanto al concorso, la premiazione delle classi vincitrici avverrà a febbraio: 200 euro, più attività didattica gratuita nel parco delle Marmore.
    Leggi Tutto

Il Centro botanico della cascata riferimento delle scuole umbre
23 Novembre 2009

  • L’obiettivo è quello di arrivare agli studenti, alle loro famiglie, quindi ai cittadini. Il mezzo prescelto è la formazione degli insegnanti scolastici, nonché degli operatori attivi presso i Centri di educazione ambientale (CEA) riconosciuti dalla Regione Umbria. L’oggetto è un nuovo sistema di insegnamento dell’educazione ambientale, termine generico in cui ricade la sensibilizzazione verso i temi ecologici e l’attuazione di pratiche quotidiane in sintonia con l’ambiente. L’Ufficio regionale C.R.I.D.E.A. – dove l’acronimo sta per Centro regionale per l’informazione, la documentazione e l’educazione ambientale – ha così messo a punto (e finanziato) un piano basato sull’insegnamento legato al divertimento, connubio già dimostratosi vincente se applicato alle giovani leve. E dopo il seminario svolto nell’isola Polvese ad aprile, si è passati dalle parole ai fatti. Coinvolte decine di scuole e Centri di educazione ambientale in tutta l’Umbria, a rappresentare il territorio ternano c’erano le operatrici del Centro direzionale didattico della cascata delle Marmore. Struttura che nel dicembre 2008 è stata accreditata come centro C.R.I.D.E.A., sistema formato da soggetti pubblici (Regione, Provincie, Comuni) e privati (associazioni, cooperative, aziende…) teso a favorire lo sviluppo sostenibile, supportato dai Ministeri dell’Ambiente e della Pubblica istruzione. Dal 17 al 20 novembre le ragazze del centro didattico hanno partecipato al laboratorio attivato a Spoleto insieme alla scuola elementare locale “Le Corone” e alla compagnia teatrale perugina “Fontemaggiore”. Il tema dei rifiuti come nessuno aveva mai pensato di affrontarlo, spiegato attraverso la fantasia di insegnanti, attori e operatori: alla fine ne è uscita una vera rappresentazione teatrale allestita dagli studenti spoletini nei locali della scuola, davanti a istituzioni, genitori e semplici cittadini spinti dalla curiosità. Quattro spettacoli sul tema del riciclaggio dei rifiuti approntati grazie ai consigli della compagnia perugina per quanto riguarda la messa in scena, e delle operatrici ternane in relazione ai contenuti. Esperimento riuscito, tanto che nel 2010 verranno ripetuti altri laboratori simili. Per il Centro didattico della cascata, sorto nell’area escursionistica del Belvedere inferiore, si tratta di un riconoscimento meritato. Una struttura dove opera personale specializzato in collaborazione con l’università di Camerino, entrata a far parte della rete C.R.I.D.E.A. dopo che una commissione di esperti nominata dalla Regione ne ha certificato la qualità dell’impostazione organizzativa, culturale, metodologica, apprezzandone il contesto ambientale e il livello di operatività. All’interno è possibile documentarsi sugli aspetti botanici della bassa Umbria con particolare riferimento all’habitat cascata, partecipare a laboratori, attività didattiche ed altro ancora, oppure semplicemente aggirarsi per una visita libera (basta il biglietto d’ingresso in cascata).
    Leggi Tutto

"Campagna amica" in cascata, vendita diretta di prodotti tipici
13 Novembre 2009

  • Vino, olio, formaggi, salumi, farro, legumi e tartufo rigorosamente prodotti in provincia di Terni. E poi illustrazione delle qualità organolettiche, dei processi di produzione e persino degli impieghi nella cucina tradizionale. Sarà questo il primo mercato di “Campagna Amica” al debutto nel suggestivo scenario offerto dalla cascata delle Marmore. Domenica 15 novembre, dalle 10.30 alle 18.00, l’area a ridosso dell’Infopoint (nel Belvedere inferiore) si trasformerà in una sorta di fattoria all’aperto dove gli agricoltori locali venderanno direttamente ai visitatori i prodotti della loro terra. Prodotti tipici “sani, di qualità e tracciati dall’origine”, assicura Massimo Manni, presidente Coldiretti Terni. Numerosi stand all’insegna della filiera corta, ovvero dal produttore al consumatore evitando le distorsioni create durante il passaggio dal campo alla tavola. Un modo per avvantaggiare le aziende ma soprattutto le famiglie, messe in condizione di risparmiare in tutta sicurezza. L’evento, organizzato dalla Coldiretti ternana, rientra nel progetto nazionale denominato “Per una filiera agricola tutta italiana”. E dopo la vetrina in cascata, i mercati di “Campagna Amica” partiranno in forma stabile in diversi comuni della provincia. Lì, oltre alle eccellenze tipiche, si potranno acquistare prodotti freschi come frutta, verdura, ortaggi, sempre evitando passaggi intermedi. Un successo? Si vedrà. Intanto, domenica prossima, i turisti che intendono visitare la cascata delle Marmore avranno un motivo in più per recarsi al cospetto dell’”orrida bellezza” decantata ai tempi del Grand Tour (XVIII secolo).
    Leggi Tutto

A Polino ultimo concerto per la rassegna di musica antica
12 Novembre 2009

  • Domenica 22 novembre la rassegna di musica antica intitolata “La Rocca tra musica e cultura” proporrà il concerto “Salotto musicale”. E’ l’ultimo dei sei previsti dall’evento, iniziato il 24 gennaio con la prima esibizione dell’accademia Hermans. In uno dei più piccoli comuni italiani – Polino -, appena 300 abitanti, arroccato su un costone roccioso a pochi chilometri dalla cascata delle Marmore, andrà quindi in scena l’ultima tappa della kermesse dedicata alla musica eseguita con strumenti d’epoca. Opportunità per godere del talento di un pool di artisti guidati dal direttore Fabio Ceccarelli, che nell’ottobre del 2000 ha deciso di fondare l’accademia barocca Willelm Hermans. Si tratta di strumentisti e cantanti specializzati nell’esecuzione di musica antica con diverse opportunità di variazione a seconda del repertorio. Ceccarelli & company si esibiranno nel settecentesco Palazzo Castelli, una delle attrattive del borgo medievale. E prima e dopo il concerto, interessanti iniziative collaterali. Alle ore 16.30 visita guidata al museo dell’Appennino umbro, allestito nella Rocca rinascimentale del paese (foto in basso). Qui, oltre ai reperti della cava d'oro inaugurata nel XVIII secolo da papa Clemente XIII, si potranno ammirare rarissime rocce testimonianza di vulcani risalenti a 250mila anni fa, le kamafugiti. Al termine del concerto, degustazione di prodotti tipici. Prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: Museo dell’Appennino Umbro 05030 Polino (TR) Tel/fax 0744 789262 Infoline Sistema Museo Lun – ven dalle 9.00 alle 17.00 Tel: 199.151.123* infoline@sistemamuseo.it www.sistemamuseo.it *Costo della chiamata da telefono fisso di Telecom Italia, 10 centesimi al minuto IVA inclusa senza scatto alla risposta, tutti i giorni, 24/24 h. Per chiamate originate da altro operatore i prezzi sono indicati dal servizio clienti dell’operatore utilizzato.
    Leggi Tutto

Intorno alla cascata: san Martino con raspato e castagne
09 Novembre 2009

  • Quella di domenica 15 novembre è l’edizione del decennale. Sono dieci anni, infatti, che l’associazione culturale Magister opera ad Arrone, centro medioevale inserito nel club dei “Borghi più belli d’Italia”, situato ad appena 6 chilometri dalla cascata delle Marmore. Nella chiesetta della madonna della Quercia – il 15 del mese – organizza la festa di san Martino, evento classico entrato nella tradizione del borgo. Dalle 16 alle 19 “Castagne co’ lo raspatu”, recita il volantino distribuito dalla Valnerina al Ternano. San Martino, allora, non deluderà. Il raspato, vinello rosato dal sapore fresco e dolce frutto dei residui della prima svinata, terrà banco insieme alle castagne cotte sul fuoco, in allegria, con recitazione di poesie dialettali e tanta musica. La cultura della campagna, la storia delle popolazioni; giusto preservarle anche in tempi moderni. “Ci aspettiamo molta affluenza”, rivela Vincenzo Locci, decano dell’associazione. Nel 2008 andò bene: oltre cento persone assiepate nella chiesetta, giunte pure da comuni lontani. Intanto l’attività della Magister va avanti. In particolare, solletica l’idea di rispolverare una vecchia festa paesana – la festa della madonna delle Grazie – ormai caduta nel dimenticatoio. Cinquant’anni fa si portava la madonna in processione lungo le vie di Arrone, si organizzavano giochi… “Ci stiamo lavorando – confessa Locci -, ma non è facile. Dovremmo restaurare la piccola cappella vicino al Portonaccio. Vedremo…”. Informazioni: Comune di Arrone tel: 0744 387611
    Leggi Tutto
bannerPopup

Orari Gennaio

Apertura
Parco
Apertura
Acqua
Feriali CHIUSO NO RILASCIO
Sabato e Domenica 11.00 - 17.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00
Festivi e Speciali:
1/1
6/1
11.00 - 17.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00

Scegli la tua visita guidata

Gennaio 2018
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
29
30
31

Belvedere Inferiore
P.le F. Fatati 6
Terni

Belvedere Superiore
Voc. Cascata 30
Terni

Tel. 0744 62982
Fax 0744 362231
actl alis sistema museo civita adb