Duomo

È dedicata a Santa Maria Assunta la cattedrale di Terni che sembra sia nata dalla mano del Bernini che ne curò il restauro voluto dal cardinale Rapaccioli alla metà del XVII secolo. Il nucleo originario della chiesa risale al VI secolo, periodo del vescovado di Sant’Anastasio, che nella cripta – preesistente – trovò sepoltura, e che fino al 1600 fu protettore di Terni insieme a San Procolo e San Valentno. Proprio la chiesa di San Valentino era allora la cattedrale fino a quando nell’VIII secolo la Diocesi di Terni fu soppressa. Cinquecento anni dopo, alla ricostituzione della Diocesi, il Comune di Terni volle costruire una nuova cattedrale, in un luogo meno decentrato e meno esposto al volere dei nemici di Terni rispetto a San Valentino. La chiesetta voluta da Sant’Anastasio diventò così un tempio più grande e ricco, ospite di reliquie importanti come quelle del Preziosissimo sangue di Gesù, e una scheggia della Croce. Terni era diventato un Comune ricco, tanto ricco che il pontefice dovette intervenire per porre freno a lussi e comportamenti troppo liberali con un forte richiamo all’osservanza delle regole cristiane. Ne resta testimonianza sullo stipite della porta centrale del Duomo dove furono incise le esatte forme – dimesse - delle scarpe che le donne dovevano indossare.

Se restano dubbi sull’attribuzione al Bernini del rifacimento della facciata, molto più consistente è ritenuta l’ipotesi che lo stesso Bernini sia invece intervenuto nel disegnare alcune opere interne, tra questi il pulpito, l’altare maggiore, entrambi non più esistenti, e l’organo che è invece possibile ammirare ancor oggi. La torre campanaria fu ricostruita invece alla metà del 1700, dopo che un terremoto aveva causato il crollo del campanile originario che risaliva al XVI secolo. Non fu l’unico danno causato da scosse telluriche, perché la cattedrale fu fortemente danneggiata anche all’inizio degli anni Trenta del secolo scorso, rendendo necessario un intervento sostanzioso di consolidamento, il cui progetto fu affidato all’architetto Marcello Piacentini. In quella occasione fu realizzato il pavimento oggi esistente, in pietra di Levanto, e fu malamente ritoccata la facciata cui fu aggiunta una balaustra ed insieme a questa le statue di San Valentino ed altri sette vescovi di Terni divenuti santi. L’arredo dell’interno è andato in pratica completamente perso e quello attuale è risalente ai primi anni del 1900. La cattedrale, già ricca di dipinti ed ornamenti, seppur pochi di essi siano antichi, è stata abbellita con opere d’arte contemporanea negli ultimi anni: dalle porte, a arredi interni. Attigui alla chiesa, la sede del Vescovado (realizzata su parte dell’anfiteatro) e il museo diocesano ricco di opere d’arte.

Foto

bannerPopup

Orari Novembre

Apertura
Parco
Apertura
Acqua
Feriali 11.00 - 17.00 NO RILASCIO
Sabato e Domenica 11.00 - 17.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00
Festivi e Speciali:
1/11
11.00 - 17.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00

Scegli la tua visita guidata

Novembre 2017
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
27
28
29
30

Belvedere Inferiore
P.le F. Fatati 6
Terni

Belvedere Superiore
Voc. Cascata 30
Terni

Tel. 0744 62982
Fax 0744 362231
actl alis sistema museo civita adb