Porta Sant’Angelo

Porta Sant’Angelo, l’uscita ovest della città medievale, è così chiamata perché a Sant’Angelo era dedicata una chiesa che esisteva a poca distanza e che fu demolita nel 1600.

Nelle vicinanze si trovava anche un ospedale, di cui non è rimasta traccia come della chiesa, come è possibile comprendere da una norma contenuta nello “Statutum Interamnae”, la quale stabiliva che tutti coloro che transitavano alla porta Sant’Angelo trasportando legna da ardere dovevano lasciarne una parte all’ospedale di “Santo Angelo”, pagando così una specie di gabella che acquistava il valore della solidarietà.

Appare strano al giorno d’oggi che la porta sia stata costruita anche con funzioni di ponte e che al piano di campagna, sottostante quello stradale, si trovi un vecchio molino. Non c’è infatti un corso d’acqua corrispondente. Però, ancora nel XVI secolo tutto intorno alle mura ovest di Terni scorreva il torrente Serra il cui corso è stato successivamente deviato e incanalato verso fiume Nera di cui era già un affluente. Nell’antichità il Serra sfociava, però, nel fiume principale a valle della città che restava racchiusa perciò tra i due fiumi e proprio da questa conformazione orografica prese il nome di Interamna. Un toponimo che chi vede oggi Terni non si spiega facilmente e che invece ha una propria origine ben precisa. Deviato che fu il corso del Serra che oggi confluisce nel Nera ad est dell’abitato, Porta Sant’Angelo non assolveva più al ruolo di ponte, mentre il molino rimase all’asciutto.

Da Porta Sant’Angelo, uscendo dall’abitato, si accedeva ad una fonte che serviva tutto il quartiere che sorgeva all’interno delle mura e che era costituito dalla frazione ovest dei due rioni dei Rigoni e degli Amengoni. Percorrendo la strada era possibile raggiungere la Chiesa ed il convento della Madonna del Monumento, presso la quale fu poi realizzato il camposanto di Terni che, come noto, per legge dovette essere individuato in luogo lontano dall’abitato.

Dopo un intervento di restauro compiuto sul finire del secolo scorso, Porta Sant’Angelo è stata inglobata in una nuova piazza e al di sotto di essa, anche utilizzando le vestigia dell’antico molino per l’olio, fu realizzato un orto botanico, attualmente in stato di abbandono. Le mura castellane, che da porta Sant’Angelo dipartono a circondare i giardini pubblici della passeggiata, dalla parte opposta sono state abbattute nei primi anni del Novecento, tranne un breve tratto attualmente inglobato in un parcheggio sotterraneo.

Foto

bannerPopup

Orari Novembre

Apertura
Parco
Apertura
Acqua
Feriali 11.00 - 17.00 NO RILASCIO
Sabato e Domenica 11.00 - 17.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00
Festivi e Speciali:
1/11
11.00 - 17.00 dalle 12.00 alle 13.00
dalle 15.00 alle 16.00

Scegli la tua visita guidata

Novembre 2017
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
27
28
29
30

Belvedere Inferiore
P.le F. Fatati 6
Terni

Belvedere Superiore
Voc. Cascata 30
Terni

Tel. 0744 62982
Fax 0744 362231
actl alis sistema museo civita adb