Lasciati stupire:

La Cascata delle Marmore e non solo

Le sorgenti di Santa Susanna
  • 08/12/2020
  • Redazione
  • 165m racconta il territorio
  • 377
  • 0

Le sorgenti di Santa Susanna

Oggi ci spostiamo nella piana reatina, indissolubilmente legata al nostro territorio. Nello specifico vi portiamo alle sorgenti di Santa Susanna, le conoscete? Meritano di sicuro una visita! Soprattutto in tempo di presepi!

Le acque sgorgano a 390m slm, ai piedi della frazione di Piedicolle, nei pressi di Rivodutri (Ri), poste proprio nella riserva naturale dei laghi Lungo e Ripasottile. Sono una delle sorgenti più grandi d'Europa, hanno infatti una portata di ben 5500 litri al secondo.
 
Le acque limpidissime, la vegetazione rigogliosa, il silenzio in cui sono immerse, i due cigni che, decisi, vi vengono incontro, renderanno la vostra visita davvero affascinante, degna di una citazione nella letteratura classica (delle sorgenti ne hanno parlato Varrone e Cicerone).
 
 

Le sorgenti di Santa Susanna

In questo luogo, nell'VIII secolo Pipino il breve, padre di Carlo Magno vi volle costruire un mulino ad acqua, ancora oggi utilizzato per la produzione della celebre farina di Santa Susanna.
 
La Santa a cui sono dedicate queste sorgenti, è raffigurata in un'edicola in ceramica con cornice lignea, proprio accanto alle limpide acque.
 
A primavera sono davvero rigeneranti, d'estate un vero toccasana, in autunno i colori sono suggestivi, ma l'inverno vi riserverà una sorpresa speciale: un presepe subacqueo con statue in vetroresina alte oltre un metro aggiungerà alla vostra visita anche un sentimento mistico di pace e speranza.

Le sorgenti di Santa Susanna